Elogio dell’ozio

Elogio dell'ozio

Elogio dell’ozio è uno dei quindici saggi che compongono questa raccolta, in cui Russell tratta le più disparate tematiche politiche e sociali.

L’etica del lavoro è l’etica degli schiavi, e il mondo moderno non ha bisogno di schiavi.

I pericoli derivanti dall’eccesso di zelo e l’importanza della contemplazione; architettura e questioni sociali; critica del comunismo, critica del fascismo e argomenti in favore del socialismo; cinismo dei giovani e conformismo della società moderna; l’educazione, la salute mentale, l’anima.

Temi diversi ma collegati da una tesi generale: «Il mondo soffre per colpa dell’intolleranza, del bigottismo e per l’errata convinzione che ogni azione energica sia lodevole anche se male indirizzata; mentre la nostra società moderna, così complessa, ha bisogno di riflettere, di mettere in discussione i dogmi>>.

Una speculazione di ampio respiro sull’essere umano moderno. Pubblicato per la prima volta nel 1935, ancora molto attuale, questo libro analizza la nostra società e la sua evoluzione, spaziando nei campi dell’architettura abitativa, del lavoro, della politica e della religione. Molto utile per aiutare a capire chi siamo e dove stiamo andando.

Russel è un filosofo molto abile, i suoi concetti li trasmette al lettore con semplicità magistrale, senza mai essere banale. Ovviamente il suo modo di pensare e la sua filosofia politico-economica possono essere condivisi o meno. ma in ogni caso un libro che arricchisce culturalmente chiunque lo legga.

Puoi leggere l’estratto QUI

Hai mai letto Elogio dell’ozio di Bertrand Russell? Scrivi la tua opinione nei commenti!

Potrebbe interessarti anche questo articolo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.