Platone consiglia di educare i giovani col gioco

Platone, “Repubblica”

«In conclusione, diremo che la scienza dei calcoli, la geometria e tutte le discipline propedeutiche che devono precedere la dialettica la filosofia, bisogna che siano insegnate fin dalla più tenera età senza però fissarle in uno schema rigido che sia imposto obbligatoriamente».

«E perché mai?»

«Perché un uomo libero non dovrà mai apprendere una scienza come se fosse uno schiavo. In effetti, se le fatiche subite per forza dal corpo non lo rendono peggiore, nessun ragionamento che sia imposto a forza all’anima può essere stabile».

«È vero», disse.

E io aggiunsi: «Caro amico, non con la costrizione dovrai formare i giovani, ma col gioco, in modo che anche tu sia in grado di distinguere quali siano le naturali predisposizioni di ciascuno».

Condividi questa indicazione di Platone? Scrivilo nei commenti a questo post!

Potrebbero interessarti anche questi post