Feuerbach, morte e immortalità

Feuerbach, morte e immortalità
Feuerbach alienazione e riassunto

Verrà un tempo, in cui la luce della Natura e la Ragione dell’Umanità, saranno tenute come superstizioni tanto la fede ecclesiastica quanto quella religiosa del Razionalismo.

Udiamo ripeterci a sazietà, che i due Dommi della esistenza di Dio e della Immortalità dell’Anima Umana sono necessari per un gran numero di credenti che si terrebbero assai sconsolati, laddove venissero scosse queste due grandi colonne della fede ortodossa.

Si dice ancora, che per cosa al mondo non conviene disturbare la pace interna delle anime. Benissimo! ma di grazia indicateci pria di tutto il dove e quando ha luogo questo fatale disturbo, ed a quali sintomi dobbiamo noi riconoscere il suo primo manifestarsi.

Qui per vero ci troviamo di fronte quelle difficoltà che naturalmente si attraversano ai passi di coloro, che avvisano arrestarsi a mezza via sul loro cammino.

L’Opinione che l’Anima continua ad esistere dopo la morte del corpo prima d’essere un argomento di seria e scientifica discussione a disamina; era già diffusa e ritenuta siccome articolo di fede.

Ora una siffatta credenza è per lo meno tanta strana quanto lo è l’abitudine di chiamare Dea, o cosa divina una bella donna o il parlar dell’immortalità delle teste coronate.

Ora eccovi amici miei, una idea che mi par giusta per tutti i versi.

Sarà di noi dopo la nostra morte lo stesso che già è stato prima della nostra nascita.

Tratto da LA MORTE E L’IMMORTALITÀ di FEUERBACH

Leggi questo libro di Feuerbach!

Potrebbero interessarti anche questi argomenti