Saramago rivisita il mito della caverna platonica

saramago caverna

Saramago rivisita ai giorni nostri il mito di Platone nel suo romanzo La Caverna, in cui il Centro, gigantesca costruzione che domina la città e ne modifica progressivamente il profilo e la fisionomia, simboleggia l’interno della caverna, l’opinione passiva dell’uomo, la sua concezione della verità in virtù delle forme e delle immagini che gli vengono mostrate.

La vicenda è incentrata su un’onesta famiglia di poveri artigiani composta da Cipriano Algor, vasaio, la figlia Marta, e il genero Marçal, guardiano in prova presso il Centro, un luogo misterioso, fulcro di ogni attività economica e amministrativa.

La vita procede normalmente, con il vasaio che consegna a scadenze regolari le sue stoviglie al magazzino del Centro, finché un giorno, inaspettatamente e senza alcuna avvisaglia che potesse far presagire qualcosa, il Centro annulla il suo ordine per le ceramiche di Cipriano, gettandolo nell’angoscia di un futuro improvvisamente fosco.

A quel punto Cipriano e la figlia decidono di cimentarsi in un nuovo progetto da sottoporre al Centro: statuette d’argilla raffiguranti diversi personaggi. Contro ogni previsione, il Centro accetta, ordinandone mille e duecento..

“ Non è facile lasciar perdere certe idee dopo aver visto ciò che ho visto. E cosa avete visto. Chi sono quelle persone? Siamo noi, disse Cipriano Algor”

Leggi il libro

Hai mai letto questo romanzo di Saramago? Commenta con le tue impressioni!

Potrebbero anche interessarti questi articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.