Giordano Bruno: Gli Amori eroici

Giordano Bruno
Giordano Bruno

Giordano Bruno, De gli eroici furori, Dialogo Terzo

Tutti gli amori (se sono eroici e non son puri animali, che chiamano naturali e cattivi alla generazione, come instrumenti de la natura in certo modo) hanno per oggetto la divinità, tendeno alla divina bellezza, la quale prima si comunica all’anime e risplende in quelle; e da quelle poi o, per dir meglio, per quelle poi si comunica alli corpi; onde è che l’affetto ben formato ama gli corpi o la corporal bellezza, per quel che è indice della bellezza del spirito.

Anzi quello che m’innamora del corpo è una certa spiritualità che veggiamo in esso, la qual si chiama bellezza; la qual non consiste nelle dimensioni maggiori o minori, non nelli determinati colori o forme, ma in certa armonia e consonanza de membri e colori.

Questa mostra certa sensibile affinità col spirito a gli sensi più acuti e penetrativi; onde sèguita che tali più facilmente ed intensamente s’innamorano; ed anco più facilmente si disamorano, e più intensamente si sdegnano, con quella facilità ed intensione, che potrebbe essere nel cangiamento dello spirito brutto, che in qualche gesto ed espressa intenzione si faccia aperto; di sorte che tal bruttezza trascorre da l’anima al corpo, a farlo non apparir oltre come gli apparía bello.

La beltà dunque del corpo ha forza d’accendere, ma non già di legare e far che l’amante non possa fuggire, se la grazia, che si richiede nel spirito, non soccorre, come la onestà, la gratitudine, la cortesia, l’accortezza. Però dissi bello quel fuoco che m’accese, perché ancor fu nobile il laccio che m’annodava.

Altro post che potrebbe interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.